A bordo di MOAS, la nave che salva migliaia di vite in mare

Il 2015 è stato l’anno del record assoluto: mai così tante persone avevano perso la vita tentando di attraversare il Mediterraneo. Se prima la zona maggiormente interessata dal fenomeno era quella del Sud (dalle coste italiane a quelle libiche), oggi si assiste ad una drammatica crescita di traversate e conseguenti morti nello stretto di mare che separa la Turchia dalla Grecia. La Migrant Offshore Aid Station (MOAS) – la nave di salvataggio dei due filantropi italo-americani Chris e Regina Catambrone, che già dal 2014 salva migliaia di vite in mare – ha quindi spostato la sua base operativa nella piccola isola greca di Agathonisi. Questo bel reportage di Patrick Kingsley per il Guardian racconta com’è la vita su quella barca, in mezzo a quel mare.

Iscrivi alla nostra Newsletter
Resta aggiornato sugli ultimi avvenimenti e news
Rispettiamo la tua privacy e lo spam non piace nemmeno a noi.