fbpx

CENTRI DI ACCOGLIENZA STRAORDINARIA

La Cooperativa Sociale Eta Beta gestisce l’accoglienza prevista per i cittadini stranieri richiedenti protezione internazionale. Oggetto dell’affidamento è il servizio di accoglienza  e la gestione dei servizi ad esso connessi. L’obiettivo è quello di garantire l’equilibrata distribuzione degli ospiti anche in relazione alle esigenze di ordine e sicurezza pubblica, al fine di ottimizzare l’inserimento nel tessuto sociale.

Servizi minimi garantiti:

 

Servizi di ingresso e gestione tecnico – amministrativa; servizi di assistenza generica alla persona; servizio di assistenza sanitaria; servizi di pulizia e igiene ambientale; erogazione dei pasti; fornitura di beni (generi di prima necessità); servizi per l’integrazione. Per facilitare la gestione del centro di accoglienza sono a disposizione degli ospiti  il regolamento del centro e il contratto di accoglienza.

Il regolamento del centro ed il contratto sono scritti e tradotti in più lingue

Il regolamento facilita la convivenza, la partecipazione alla gestione del centro, la permanenza nel progetto territoriale e anche le condizioni per le quali è previsto l’allontanamento.

Contratto di Accoglienza

La permanenza nella struttura di accoglienza è regolata da un accordo chiaro tra il progetto territoriale e il singolo beneficiario, i quali definiscono rispettivamente i propri impegni e i tempi dell’accoglienza. La sottoscrizione del contratto di accoglienza è uno dei principali strumenti che favorisce un rapporto di reciprocità tra operatore e beneficiario: entrambi sono chiamati, secondo la propria posizione, a contribuire al progetto di accoglienza e a parteciparvi in maniera attiva. L’accoglienza, in tale modo, supera lo stereotipo della “buona azione” per collocarsi nella sfera del rispetto dei diritti e della dignità delle persone. 

Pocket money

Il pocket money consiste in un contributo in denaro da corrispondere a ogni beneficiario e destinato alle piccole spese personali, ulteriori rispetto ai beni e ai servizi garantiti dal progetto di accoglienza. Il pocket money, oltre a consentire ai beneficiari di acquistare anche generi voluttuari e di non prima necessità, è uno strumento di supporto ai percorsi di inserimento. Permette, infatti, di acquisire maggiore confidenza con la valuta e di testare direttamente il costo della vita.

L'equipe

Lo psicologo

 Lo  psicologo consente di facilitare il dialogo con il singolo beneficiario.

L’assistente sociale

L’assistente sociale ha il compito di definire ed individuare gli elementi del contesto, nei quali inserire l’intervento di accoglienza. Facilita il rapporto con i servizi del territorio.

L’educatore professionale

L’educatore professionale ha il compito di accompagnare il beneficiario nel percorso verso l’autonomia.

Il mediatore

Il mediatore interculturale e linguistico facilita i rapporti tra il beneficiario, l’operatore e il contesto territoriale.

L’operatore legale

L’operatore legale ha le competenze e le conoscenze specifiche relative alle procedure, alla normative di riferimento e alle relative pratiche da espletare per il riconoscimento della protezione internazionale del beneficiario.

Il coordinatore

Il coordinatore  si occupa degli operatori e della gestione delle risorse umane del centro in cui opera. Segue: il progetto di accoglienza dei beneficiari  con le istituzioni locali, gli accordi con i servizi presenti sul territorio; la promozione dei progetti di formazione e di aggiornamento.

L'operatore d’accoglienza

Ha il compito di curare gli interventi che garantiscano l’ integrazione. Segue gli aspetti  gestionali della struttura e i beneficiari nella conoscenza e nel accesso ai servizi del territorio. 

L'operatore per l’integrazione

L’operatore per l’integrazione ha il compito di informare e orientare il beneficiario in merito al percorso di inserimento socio-economico e abitativo (accesso allo studio, alla formazione, al lavoro, alla casa, ecc.).  Come l’operatore d’accoglienza è l’interlocutore del beneficiario per la costruzione e la verifica del progetto personale. 

I NOSTRI CAS